Religione e marxismo sono incompatibili
LISC - Libreria Internazionale della Sinistra Comunista
[last] [home] [content] [end] [search]

RELIGIONE E MARXISMO SONO INCOMPATIBILI
If linked: [English] [French] [German] [Spanish]


Content:

Religione e marxismo sono incompatibili
Source


Religione e marxismo sono incompatibili
[top] [content] [end]

A proposito di preti... comunisti (vedi il numero 4 del Programma), e di religione in genere, ci capita sotto gli occhi la perla rara gettata ai proletari dagli eminenti aggiornatori del «leninismo», Trevisani e Canzio, autori della monumentale opera... marxista, la «Enciclopedia del socialismo e del comunismo» col valido aiuto di grandi politici e teorici del P.C. italiano, come Terracini, Radice, Spano, Gerrattana ed altri subalterni. Leggete e correte a far la comunione!
«
Scarsa fede religiosa dimostra - si legge a pag. 581 della suddetta Enciclopedia -, chi sostiene l'incompatibilità tra religione e regime socialista, anche quando si è dimostrato che questo regime rispetta la fede religiosa, assicurando a tutte le Chiese piena libertà di culto».

Il pezzo che segue lo trascriviamo tutto perchè è una vera delizia:
«
L'esperienza dell'Unione Sovietica offre una prima conferma di queste affermazioni. Durante la rivoluzione e la guerra civile, il clero ortodosso, che era già legato per una lunga tradizione al vecchio regime zarista, si schierò (sic!) tra le forze controrivoluzionarie; e da questo fatto, non attribuibile certo alla volontà dei comunisti, anche la religione ebbe a soffrire» [che peccato, per i «comunisti» ultimo grido!].

Concediamo una pausa al lettore sbalordito o sdegnato, e riprendiamo:
«
Ma, consolidatosi il regime socialista, si ristabilirono ben presto rapporti di pacifica convivenza tra la religione e il nuovo regime. La libertà religiosa oggi nell RSS (garantita anche nella costituzione) dimostra. che il regime socialista e perfettamente conciliabile con la religione».

E perciò concludono gli «enciclopedisti»:
«
L'ostilità dimostrata dalla Chiesa cattolica verso il regime socialista e verso i partiti comunisti non è dovuta a motivi teorici di incompatibilità ideologica, ma solo a motivi pratici, alla posizione di difesa di determinati interessi materiali assunta dalla Chiesa cattolica».

Ora, che religione e chiesa possano coesistere pacificamente col regime russo è fuori dubbio, perchè la società sovietica è, per dirla con le scientifiche parole di Marx,
«
una società di produttori di merci, il cui rapporto di produzione generalmente sociale consiste nel comportarsi di fronte ai prodotti sociali [quindi anche di fronte al feticcio religioso], come merci»;
insomma, è una società non comunista. Se fosse comunista, o tendesse a divenirlo, la chiesa sarebbe da tempo distrutta e la religione si sarebbe estinta, o andrebbe estinguendosi, giacchè - dice ancora Marx -
«
Il riflesso religioso del mondo reale può scomparire, in genere, soltanto quando i rapporti della vita pratica quotidiana presentano agli uomini giorno per giorno relazioni chiaramente razionali fra di loro, e fra loro e la natura. La figura del processo vitale sociale, cioè del processo materiale di produzione, si toglie il suo mistico velo di nebbie soltanto quando sta, come prodotto di uomini liberamente uniti in società, sotto il controllo cosciente e condotto secondo un piano».

Allora gli uomini mangiano, lavorano e vivono assieme godendo i frutti della natura e del lavoro sociale senza mai più dover pregare nè il padrone in terra nè quello in cielo in quanto non sono più volgarissima merce che si acquista al suo «giusto prezzo» di mercato contro un equivalente monetario, ma uo-mini liberamente associati e sottratti al dominio delle «cieche forze produttiv», uomini coscienti dei loro «razionali» rapporti umani.

Quanto poi alla.., perfetta compatibilità fra ideologia comunista e religione (e peggio ancora fra dittatura comunista e chiesa), il fatto che i comunisti non combattano come realtà a se stanti la fede o l'organizzazione ecclesiastica, ma inquadrino la demolizione dell'una e dell'altra nella lotta generale per l'abbattimento del regime capitalista che, come ogni regime sociale basato sulla divisione in classi, e in più come espressione massima della alienazione dell'uomo, le genera continuamente dal suo seno, questo fatto non ha nulla a che vedere con una patente di conciliabilità col comunismo come teoria e come realizzazione pratica concessa al binomio religione-chiesa. Vogliamo leggere Lenin nei suoi scritti «Sulla Religione»?
«
«La religione è l'oppio del popolo»: questo detto di Marx è la pietra angolare di tutta la concezione marxista in materia di religione». «Tutte le religioni e le chiese oggi esistenti, tutte - quali che siano - le organizzazioni religiose, sono sempre state considerate dal marxismo come strumenti della reazione borghese, che servono a difendere lo sfruttamento e a stordire la classe operaia».
«
Nei paesi capitalistici odierni le radici [della religione] sono soprattutto sociali. L'oppressione sociale delle masse lavoratrici, la loro apparente totale impotenza di fronte alle cieche forze del capitalismo, che è causa, ogni giorno e ogni ora che passa, delle sofferenze più orribili, dei tormenti più selvaggi per la massa dei lavoratori, in misura mille volte maggiore di tutte le calamità come le guerre, i terremoti ecc.; ecco in che cosa consiste attualmente lo radice profonda della religione».
«
La paura ha creato gli dei. La paura dinanzi, alla cieca forza dei capitale, cieca perchè non può essere prevista dalle masse popolari, la quale ad ogni istante della vita del proletariato e del piccolo proprietario minaccia di portarli e li porta ad una catastrofe «subitanea», «inattesa», «accidentale», che li rovina, li trasforma in menticante, in povero, in prostituta, li riduce a morire di fame: ecco la ra-dice dell'odierna religione che il materialista deve tenere presente prima di tutto e al di sopra di tutto».

E in un articolo, scritto nel 1915, sulla guerra e gli effetti del conflitto sulla massa, Lenin precisa - che dove c'è «spavento» e «disperazione» esiste pure «un rafforzamento della religione», e che in quelle drammatiche sofferenze di cui la massa è il pagatore diretto
«
le chiese si riempiono di nuovo e i reazionari ne godono. 'Dove si soffre, vi è la religione', dice l'arcireazionario Barrès. E ha ragione».

Ecco, fetentissimi opportunisti d'oggi che tutto avete rinnegato, come Lenin e come i comunisti debbono spiegare il carattere di classe della religione. Altro che conciliare la litania del «soffri di qua e godrai di là» con la viva lotta rivoluzionaria del proletariato per spezzare le catene dell'inferno terreno, controllato dalla belva capitalista e dai suoi santoni che, con tutti i loro salmi, non tralasciano un istante di spolpare la martoriata preda!

Ma, queste spiegazioni, al proletariato non le potete dare, perchè altrimenti dovreste per prima cosa ammettere che dove c'è religione e organizzazioni chiesastiche c'è lotta di classe, c'è capitale e lavoro che si contendono il potere, e come potreste ammettere tutto ciò per il grande paese del «socialismo»? Come potreste d'altra parte rivendicare il titolo di partito democratico, nazionale e legalitario? E allora andate in giro con suore e preti sostenendo che «socialismo e religione» sono due faccie della stessa medaglia: il che, per il vostro socialismo, è verissimo!

Ma, per i marxisti degni di questo nome, religione e comunismo sono incompatibili!

Source: «Il Programma Comunista», n.8, aprile 1962

[top] [content] [last] [home] [mail] [search] [webmaster] [get pdf]


you arrived from:

pagecolour: [to the top]